Noi con la testa alta.. voi con le braghe calate

Scritto da admin on . Postato in Alitalia, Blog Nessun Commento

braghe

A ottobre 2008 avete sputato sull’ accordo Air France.


A novembre 2008, dopo un mese di manifestazioni, ci avete chiesto di tornare a casa (USB. Tomaselli e Marras).

Era il pomeriggio di quel giorno che siamo rimasti seduti per terra fuori dal CBC dalla mattina.

Noi eravamo pronti ad entrare in pista e fermare gli aerei, voi no.

Noi avevamo coraggio, VOI NO.

Noi eravamo uniti, VOI NO.



13 gennaio 2009 Contratto CAI.

“Era scolpito su tavole di pietra” avete detto (Di Vietri). La famosa “Linea del Piave” era rimasta lettera morta.

Avete voltato le spalle ai lavoratori, “non potevamo fare altrimenti” avete detto (Pietrini).

Dopo quella firma, nessuna dimissione, nessun moto di dignità.

Qualcuno ha persino fatto carriera, come la Polverini (UGL) che da penosa sindacalista è diventata penosa politica.

 

Hanno pagato i lavoratori quelli che non erano amici di nessuno.

Quelli senza una paternità politica.

Quelli senza amici in palazzina.

Quelli con nemici In palazzina.

Quelli senza amici al sindacato.

Quelli con nemici al sindacato.

In barba alle liste di anzianità.

 

Hanno pagato i nostri figli lasciati soli la notte.

Colpevoli di avere genitori naviganti.

Colpevoli di avere meno di tre anni.

Colpevoli di avere un handicap.

Colpevoli di essere figli di genitori separati.

 

Hanno pagato le nostre famiglie.

I nostri compagni.

I nostri mariti.

Le nostre compagne.

Le nostre mogli.

I nostri genitori.

 

Ha pagato la qualità della nostra vita.

 

Giorni di riposo impiegati mentre i lavoratori sono in cassa integrazione, in ferie d’ufficio o in solidarietà difensiva pagata dalla collettività.

Giorni di riposo sottratti al recupero fisico, ai nostri affetti, ai nostri interessi.

Nonostante una sentenza ne abbia dichiarato l’illegittimità.

 

Ferie non pagate, quando una sentenza europea ne sancisce l’illegalità, oltre a errori nelle buste paga per decine di migliaia di Euro. Ma un permesso sindacale viene pagato h 3.50 di volo.

Siete rimasti sette anni con le spalle voltate.

 

Hanno pagato le lavoratrici in maternità.

Retribuite al 46% del loro stipendio abituale grazie ad uno stipendio “truffa” che denomina “indennità di volo” voci retributive che non lo sono.

Grazie a questo, pagheremo tutti, di nuovo, alla pensione, con un abbattimento di quasi il 60% dello stipendio.

 

Mentre noi qua fuori spalavamo merda da soli, per sette anni, voi e i vostri iscritti vi siete   fatti gli affari vostri. Tutti voi, nessuno escluso, sindacalisti autoproclamati, autoreferenziati, siete stati a guardare, al riparo delle vostre bandiere. In sette anni avete solo prodotto volantini sulla fuffa e supercazzole. Il nulla.

 

State per andare ai tavoli con in tasca: un due di picche e le braghe calate.

 

Un altro tsunami sta arrivando per i lavoratori.

Ci prepariamo al peggio, a testa alta e con la stessa dignità e onestà con la quale abbiamo combattuto fino all’ultimo da soli. Accanto a noi i nostri figli e le nostre famiglie che possiamo guardare negli occhi sapendo di aver fatto tutto il possibile per noi e per loro.

 

Di certo non potete dire lo stesso voi

Siete soli, anche la vostra coscienza vi ha abbandonato, non vi è rimasta nemmeno la vergogna.

 

FamilyWay, Apu, 100%AV, ACC e tutti quelli che insieme a noi hanno combattuto per i DIRITTI di TUTTI.

 

Trackback dal tuo sito.

Contattaci

Telefono:
+39 (06) 3 8376 6284
+39 (06) 5 2563 9865

Indirizzo:
Via Amedeo Bocchi n.300, 00125 Roma - Italia

Disclaimer

Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri.